Associazione benefica Tamara

Tamara

Tamara nei ricordi degli amici e delle persone care:

Una bambina e una ragazza, affascinante e forte, su trampoli di autoironia che mai ti fanno dondolare e anche quando succede... allargando le braccia spalanchi i tuoi occhioni dolcissimi e cerchi l'equilibrio su un piede solo.... come pronta al volo. Nulla sa restare in silenzio al tuo cuore. La tua mano con quelle dita un pò tonde in punta, la pelle piena di vita, arrossata dal lavoro e dall'umiltà che alla sera, quando arriva il momento di respirare pensando un pochino a te stessa, si posano in un caldo divano di crema cercando un pò di cura.
Anni pieni di vita trascorsa, spesso, osservando in silenzio, facendo sorridere e dando amore; sogni a volte sigillati in una scatola in cui si sente solo il battere del cuore... sogni che mai muoiono, cambiando forma.
Una corsa tra cavalli e pigne di fieno dal profumo strano, dolce e amaro... pennelli e tubetti di tempera strizzati nel mezzo... colore dovunque e una macchia lasciata da una tazza di caffèlatte, appoggiata sul foglio su cui disegni, dopo aver sorseggiato.
Una telefonata, una smorfia con una faccina buffa che ci porta per mano in un fumetto, in cui, per un attimo, sorridiamo bambini.
Una mano si appoggia sul viso di una creatura mentre l'altra con amore gli fa sentire che, a volte, persone e animali sono uniti dal linguaggio dell'amore, nello stesso respiro.
Due occhi col blu del cielo che nulla hanno di umano perchè gli umani sanno anche far male mentre per te questo è un vestito per cui non ci sarebbe mai stata la taglia giusta.

Livio

ciao MARA,
sono sicuro (conoscendoti) che stai festeggiando il tuo compleanno alla tua maniera,come i vecchi tempi,quando invitavi "LA BANDA DEL PESCE" al completo.
Ci bastava la nostra voglia di divertirci,quella straripante allegria che ci invadeva,quella tua risata unica,una telecamera,qualche travestimento,e soprattutto la tua inimitabile fantasia.Purtroppo MARA,mi riesce meglio sparare cazzate che scrivere e su questo sono sicuro che non hai dubbi.
Mi manchi tantissimo anzi ci manchi.Manchi sicuramente a chiunque ti conosce e non mi piace scrivere : a"chiunque ti conosceva"perchè per me tu ci sei ancora.ogni tanto penso a come è incredibile il cuore,pesa qualche etto è più corto di una spanna,ma riesce a contenere un'infinità di sentimenti e sicuramente nella zona " amicizia" hai occupato una grossa fetta.
Mi ricordo quando in un tuo compleanno ti abbiamo regalato un cincillà;li ho capito quanto ami gli animali.avevi gli occhi che brillavano.li ami forse più delle persone e vedendo quello che ti è successo e quello che purtroppo succede tutti i giorni a volte penso che gli animali meritano più rispetto delle persone,anzi di alcune persone.
Ho letto una frase di un    antico scrittore tempo fa che citava:"sai figlio mio,pensavo che l'uomo è l'unico animale che arrossisce ed è anche l'unico che ne ha bisogno".
Noi della banda del pesce e la maggior parte delle persone di questo pianeta impazzito penso che abbiamo un anima di tutto rispetto e tu ne sei uno splendido esempio.
A volte mi sento ispirato a scriverti e sono certo che mandando queste righe a Livio tu riuscirai a leggerle perchè intorno a loro ai tuoi parenti ,nei tuoi confronti c'è un amore e un calore incredibile.
Spero che queste quattro righe ti facciano bene,e cosa importantissima è che la Banda del Pesce ti ha nel cuore si diverte ancora con te,non ti ha dimenticato e non lo farà mai.
TI VOGLIAMO BENE.
SIMO E LA MITICA BANDA DEL PESCE